Analizzare il possibile impatto sociale dell’Agricoltura di Precisione in Europa

  • Anno di attivazione: 2017
  • In collaborazione con: Coldiretti Toscana, numerosi altri partner tra Centri di Ricerca e Aziende Agricole

L’attività del CfGC

All’interno del progetto Gruppo Operativo Tinia, attento ad aumentare l’indice di conoscenza dell’Agricoltura di Precisione (AP) da parte di un campione selezionato di PMI cerealicole toscane, il CfGC ha svolto un’indagine

qualitativa, multilivello e multitarget (per categorie, per età, per competenze di partenza, per ruolo professionale, ecc.) volta alla rilevazione della percezione che gli operatori del settore manifestano nei confronti dell’introduzione della AP dal punto di vista del suo impatto sociale: minaccia, rischio, opportunità, occasione di innovazione di sistema e di formazione personale, ecc.

 

Per raggiungere tale obiettivo, i ricercatori del CfGC hanno:

  • organizzato 2 focus group, con l’obiettivo di: individuare le tematiche che attirano maggiormente l’attenzione degli imprenditori agricoli quando si parla di Agricoltura di Precisione; i punti di forza, le possibili criticità riscontrate; registrare la disponibilità dei partecipanti al focus group ad adottare l’AP all’interno delle proprie realtà produttive.

ideato, progettato e somministrato 56 questionari ad imprenditori agricoli per: individuare il loro grado di conoscenza dell’Agricoltura di Precisione (AP), la percezione che ne hanno e i bisogni di informazione e, soprattutto, formazione riscontrati su tale argomento.

Anagrafica della convenzione

Dal 2017 alla fine del 2018 il CfGC ha affiancato Coldiretti Toscana nella gestione di 4 Gruppi Operativi (GO) finanziati dalla Misura 16.1 del PSR 2014-2020 della Regione Toscana. Di questi, GO-CARD e GO-OLIMPOLLI sono stati finanziati anche dalla Misura 16.2 e il CfGC continuerà così, fino alla fine del 2021, a collaborare nella gestione della comunicazione organizzativa e nella comunicazione esterna dei due partenariati.