Il modello object oriented

Il modello object oriented

Lavorare su casi reali, sviluppare tecniche di comunicazione avanzate​ con contenuti di qualità

Un master orientato alla realizzazione di un progetto

II modello formativo del Master si basa su una logica rigorosamente produttiva, fattuale, radicalmente innovativa rispetto alla tradizionale pratica degli stage.

I corsi sono progettualmente intrecciati con l’attività concreta ed operativa di realizzazione di oggetti comunicativi reali all’interno di organizzazioni legate al mondo della salute e dei servizi sanitari.

Ogni corsista avrà il suo tutor esperto che, avvalendosi di un ambiente di formazione integrato (in presenza e online), favorirà non solo la sua partecipazione pro-attiva e professionalmente ‘creativa’ ma gli offrirà anche un’assistenza continua (secondo il modello training on the job) nel contesto lavorativo in cui la/il corsista già opera o per il quale le/gli verrà proposto di operare.

Il project work

Durante tutto il percorso formativo e grazie all’affiancamento di docenti e tutor esperti, i corsisti progetteranno e svilupperanno un personale project work, funzionale alla realizzazione di un oggetto comunicativo reale e – soprattutto – utile allo svolgimento dell’azione comunicativa di una delle organizzazioni, enti, istituzioni o aziende partner del Master.

Il modello formativo del Master dà la massima importanza alla contemporanea realizzazione di oggetti concreti e all’esercizio di attività pratiche.

In questa prospettiva saranno fortemente collegate  le

  • attività di studio sul mondo della medicina, della scienza e della sanità;
  • attività sul campo che un professionista della comunicazione e dell’informazione deve saper affrontare (dalla gestione di un ufficio comunicazione  alla creazione di una campagna di comunicazione, dalla gestione di una crisi all’ideazione di una social media strategy, etc.).
I partner del Master

Per rafforzare l’offerta formativa, il Master ha avviato una vasta rete di contatti che si estende anche al tessuto socio-economico e culturale. Stiamo, infatti, sottoscrivendo partenariati con istituzioni, aziende ospedaliere, della comunicazione, farmaceutiche, della Smart health, con centri di ricerca, fondazioni, associazioni di malati e altre realtà del terzo settore con cui sviluppare un’azione più incisiva per promuovere strategie di comunicazione basate su contenuti affidabili e autorevoli.
Per questo ogni corsista avrà la possibilità di avviare, da subito, una collaborazione fattiva con queste organizzazioni.